Sistemi di riscaldamento a pavimento per il comfort di spazi domestici e lavorativi

Sistemi di riscaldamento a pavimento per il comfort di spazi domestici e lavorativi
18 dicembre 2018 | Non categorizzato

Il riscaldamento a pavimento è una delle tecnologie più innovative e apprezzate per il comfort termico, e costituisce una soluzione ideale per abitazioni private ma anche uffici o esercizi commerciali. I vantaggi di questo approccio sono molteplici: una bassa dispersione termica, un riscaldamento costante su tutta la superficie dell’ambiente interessato e una migliore efficienza energetica rispetto ai classici radiatori, che si traduce in una bolletta molto più bassa. Erroneamente si ritiene che l’installazione di un sistema a pannelli radianti sia invasiva e richieda lavori impegnativi, ma in realtà le tecniche moderne consentono di ottenere un eccellente risultato in maniera decisamente funzionale.

Come funziona il sistema a pannelli radianti

Il funzionamento del sistema di riscaldamento a pavimento è piuttosto semplice: nel pavimento, che può essere realizzato in diversi materiali tra cui il grès porcellanato, viene installata una serpentina di tubi in cui scorre acqua a una temperatura mite (30°-40° gradi, a fronte dei 70°-80° gradi di un termosifone a piena potenza). I tubi sono collegati alla caldaia che riscalda il fluido.

Di norma, l’installazione del riscaldamento a pavimento prevede la posa in serie di solaio strutturale, isolante, massetto, tubi per il passaggio dell’acqua e la pavimentazione vera e propria. L’elemento riscaldante è il massetto in cemento che ricopre i tubi, quindi uno spessore ridotto permette di raggiungere la temperatura ideale in un ambiente in meno tempo. I tubi devono essere realizzati in modo da durare a lungo, resistendo allo schiacciamento dovuto al calpestio e alla corrosione. Particolare attenzione va dedicata anche al percorso dei tubi nel pavimento, in modo che non ci siano zone più o meno calde.

Pannelli solari: una scelta conveniente ed ecosostenibile

Un sistema di riscaldamento a pavimento deve avere una temperatura di esercizio che si aggira intorno ai 28°-30°; una temperatura superiore, infatti, finirebbe per creare un calore eccessivo all’altezza delle gambe e portare quindi a notevoli problemi di circolazione, anche se oggi gli impianti più moderni sono assolutamente sicuri da questo punto di vista.

È possibile applicare i pannelli solari direttamente al riscaldamento per una soluzione davvero green, e sfruttare ulteriormente il risparmio energetico facendo ricorso alle caldaie a condensazione. Da ricordare che una casa senza termosifoni e radiatori ha uno spazio superiore a disposizione e pone meno ostacoli per l’arredamento; in più, si riducono anche i movimenti convettivi che negli impianti di tipo tradizionale producono lo spostamento della polvere. Infine, il sistema a pavimento può essere utilizzato anche per il raffrescamento di ambienti abitativi o lavorativi.

Progettazione

Ristrutturazione

Bio Architettura