costi energetici

costi energetici

Per ridurre i costi energetici degli edifici è possibile intervenire anche su parametri di progettazione che riguardano gli aspetti tecnologici.

Negli anni ’70, ’80 e ’90 la gestione dell’illuminazione era affidata alla tecnologia del riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Il basso costo dell’ energia elettrica e del petrolio avevano fatto in modo che gli edifici diventassero funzionali e utilizzabili soltanto con questi sistemi sempre accesi.

Oggi però la situazione è mutata: i costi dell'elettricità sono sempre più alti, e visto che viene prodotta quasi esclusivamente da fonti energetiche non rinnovabili, produce inquinamento a livelli non più sostenibili per l’uomo e l’ambiente.

Le tecnologie che abbiamo a disposizione possono dare un grosso contributo nella riduzione dei consumi. Chiedeteci come!

sfruttare le fonti rinnovabili

Per funzionare, un edificio richiede molta energia; allora perché non approfittare anche di risorse energetiche oggi inutilizzate? Pensate a quante cose possiamo sfruttare:

  • il sole;
  • il vento;
  • la pioggia;
  • il calore del sottosuolo;
  • l'acqua fredda di falda.

più efficienza, meno sprechi

Dobbiamo costruire sfruttando al massimo le attuali tecnologie, aumentando l’efficienza e diminuendo gli sprechi, imparando a utilizzare energie di cui abbiamo disponibilità pressoché gratuita.

Share by: